Un campione fra di noi: Prof. Vikoler
Un campione fra di noi: Prof. Vikoler

Lunedì 14 dicembre abbiamo intervistato il professore Vikoler perchè è stato un campione di pallamano e in classe stiamo parlando di sport.

U15-A-Spielerinnen | SSV Brixen

Il professor Vikoler Norbert ha giocato a pallamano.

Lui ha iniziato questo sport a 13 anni e ha lasciato a 30 anni. Da bambino lui vedeva i compagni di scuola che giocavano a pallamano e a lui piaceva questo sport. Lui praticava l’atletica leggera. All’inizio lui non poteva giocare a pallamano perché i suoi genitori hanno detto che uno sport basta. In terza media lui è potuto andare a pallamano.

Lui ha giocato come ala sinistra e come difensore sinistro, giocava a diretto contatto con l’avversario, osservando il gioco.

Come già detto, lui ha iniziato a giocare a pallamano a 13 anni.

Lui ha giocato con il Bressanone, il Bolzano e con la squadra nazionale italiana. Ha giocato per molti anni in serie A e è stato convocato per la nazionale. Ha giocato in tornei nazionali e internazionali.

Si allenava 7 volte alla settimana, per minimo due ore. Durante la settimana andava a lavorare e il pomeriggio e la sera faceva allenamento. Oppure faceva allenamento di mattina e lavorava di pomeriggio.

Lo sport per lui era molto importante. Lui ha rinunciato a tante cose: ha rinunciato alle feste e al suo tempo libero.

Il professor Vikoler ha lasciato la pallamano quando aveva 30 anni, perché sentiva male alle gambe e alle ginocchia per colpa del pavimento duro della palestra e perché ha creato una famiglia.

Lui è stato anche allenatore, ha allenato meno squadre maschili e piú squadre femminili.

U11 Mädchen | SSV Brixen
(Foto 25.11.2019)

Lui si è fatto male tante volte. Ma una volta, durante le qualificazioni per il campionato mondiale in Giappone, si è rotto la rotula del ginocchio e per questo non ha potuto partecipare ai mondiali.

Lui non ha mai usato sostanze dopanti.

Da giovane aveva tre Idoli. Ma i suoi idoli non erano giocatori di pallamano: un idolo era uno sciatore che si chiama Peter Müller. Un altro era un giocatore di pallamano russo, Alexander Tutschkin, e i compagni di squadra chiamavano Vikoler proprio “Tutschkin”. Il terzo idolo, il suo vero modello, era un giocatore di tennis che si chiama Mats Wilander.

È stato molto interessante scoprire tutte queste cose. Una delle cose che ci ha colpito è la vita così organizzata che ha fatto per essere uno sportivo di questo livello. E anche che non ha potuto partecipare alle qualificazioni dei mondiali perché si è fatto male.

Ma come ha detto il professor Vikoler, quando cadi, devi solo rialzarti: se una cosa non va come volevi, non è una tragedia, devi fare qualcos’altro.

Classe 3F1

(Andrea, Damian, Florian, Julian, Lea, Lena, Manuel S., Manuel T., Raffael)

Letzte Blogeinträge

Archiv

  • 2021 (4)
  • 2020 (12)
  • 2019 (43)
  • 2018 (29)
  • 2017 (43)
  • 2016 (71)
  • 2015 (12)
X